Biografia


Bernardo Cammarata
Pantelleria 1984

Nacqui molto piccolo, avevo più o meno 0 anni.

A quanto ricordo, cominciai a crescere sin da subito. Raggiunto un adeguato livello di crescita, di questo ne sono sicuro, cominciai ad invecchiare.

Nel mio primo percorso scolastico, ebbi modo di sviluppare una discreta capacità nel cercare di passare inosservato, distinguendomi immediatamente per un vero talento nel sapermi giustificare.

Nell'anno in cui frequentai la facoltà di Lettere Moderne a Palermo ebbi modo di perfezionare le mie abilità nel far finta di essere al corrente dei fatti.

Trasferitomi a Milano, dove frequentai l'Accademia di Belle Arti di Brera, ho fatto tesoro dell'esperienza del "narratore" ricevendo diverse gratificazioni nel settore dell'improvvisazione attribuendo significati profondi a qualunque immagine o abbinamento di parole, casuale e non.

Per potermi permettere la permanenza a Milano, dovetti immediatamente inserirmi nel mondo del lavoro, passando dal fare il rappresentante di vini, il cameriere, il comì di cucina, barman, istruttore di sala pesi e il personal trainer.

Il mio rapporto con il lavoro, sin da subito, è stato di amore e odio.

Amo quando mi pagano ma odio lavorare.

Ricordo, la prima volta che cominciai a scrivere, avevo tredici anni, con una splendida macchina da scrivere Olivetti.

 

Nel futuro mi immagino esattamente come sono ora ... ma più vecchio.